Dog Agility - Antonio's Agility School
contattaci | Facebook
Alimentazione del cane Una dieta equilibrata è essenziale per la salute del nostro amico a quattro zampe: alimentare un cane in modo razionale permette che esso possa crescere, svilupparsi, riprodursi e vivere sano il più a lungo possibile. Con il cibo si fornisconoall'animale sei categorie di nutrienti: acqua, zuccheri, proteine, grassi, vitamine e minerali.

Elementi della dieta
La dieta del cane varia in relazione a diversi fattori, quali:
- l'età dell'animale - cucciolo o cane anziano
- il suo stile di vita - cane da passeggio, da caccia o da lavoro
- nonché la razza cui appartiene.

Carni rosse e pollame. Non possono costituire da soli la dieta di un cane, tanto meno se si tratta di un cucciolo, perchè sono deficitari di calcio, fosforo, rame, ferro, vitamine D ed E. Se la carne viene aggiunta a una dieta bilanciata in quantità eccessiva (oltre il 25%) crea squilibrio alimmentare. in ogni caso deve essere ripulita degli ossi e ben cotta.

Latte e derivati. Il latte è un ottimo alimento che viene digerito bene dal cane soltanto fino a una certa età, poi crescendo - in seguito alla riduzione della lattasi (enzima presente nell'intestino che serve a digerire lo zucchero del latte) - può accadere che il latte venga rifiutato oppure provochi diarrea. I prodotti caseari forniscono proteine di alta qualità, ma possono contribuire a creare uno squilibrio alimentare qualora vengano aggiunte in quantità eccessiva.

Uova. L'apporto di proteine deriva anche dalle uova, sia dall'albume che dal tuorlo. L'albume va necessariamente cotto perché in questo modo viene neutralizzata la sostanza antivitaminica in esso contenuta. Il tuorlo invece è ottimo anche crudo ed è ricco di grassi e vitamine.

Oli e grassi. Spesso si usa addizionare alla dieta del cucciolo l'olio di fegato di merluzzo, oli vegetali oppure grassi animali, per renderla più appetibile e fornire un'integrazione vitaminica. L'olio di fegato di merluzzo è sicuramente ricco di vitamine A e D, ma il loro eccesso può rivelarsi spesso più dannoso di un'eventuale carenza. Si può infatti creare una ipervitaminosi. I grassi in eccesso possono causare problemi digestivi, obesità e soprattutto, nel giovane animale sono responsabili di un minor consumo di cibo.

Pesce. Come per la carne, il pesce a solo (privo di lische poiché molto pericolose) è un alimento carente di calcio, sodio, rame e alcune vitamine, soprattutto la E. Non deve mai essere somministrato crudo per la possibilità di trasmettere parassitosi e perchè contiene una sostanza che degrada la tiamina (vitamina del gruppo B).

Verdure. Nella dieta del cane non devono mancare giuste quantità di verdure, alimento poco appetitoso per l'animale ma necessario per la regolazione della sua attività intestinale. Per essere digerite le verdure hanno bisogno di una cottura prolungata, che disperde però gran parte del loro contenuto vitaminico.

Ottimi da associare ad altri elementi sono i cereali; tra questi il riso, che fornisce il suo apporto di zuccheri dopo una cottura prolungata.


Cibi pericolosi
- Cioccolato. Contiene una particolare sostanza, la teobromina che è tossica per i cani se viene consumata in grande quantità. I segni di tossicità sono: vomito, diarrea, irrequietezza, tremori muscolari, respirazione affannosa, convulsioni; a questi sintomi, nei casi più gravi può subentrare la morte.
- Cipolle. I cani amano molto il sapore di questo bulbo e possono arrivare a consumarne una quantità eccessiva con gravi conseguenze. Le cipolle contengono infatti un composto tossico per i cani che provoca un'anemia emolitica con sintomi quali diarrea, vomito, depressione, febbre e colorazione bruna delle urine.


Per saperne di più
- diete speciali



Contattaci
Scrivici o vieni a conoscerci nella nostra sede.
LE PHOTO GALLERY
Chi eravamo A.P.C.A.
Chi siamo stati Antonio´s
Le nuove generazioni Facebook Gallery